Terremoto dell’Anima

Sono finalmente qui tornato

a veder tornare

quello che non c’è più …

ogni arco, ogni finestra,

quel mulino

che mi giocava intorno

con la sua acqua per far festa

con il suo grano per lavorare.

Su ogni lacrima che cade

ricordo ogni volto, ogni sorriso

scolpito sulla pietra ancora viva

sotto ogni calcinaccio

e le mie rughe invecchiano

sotto il dolore che si arrabbia

ancora e poi ancora

su quanto l’uomo continui

ad essere bestia.

 23 novembre 2009    Karlo

Terremoto dell’Animaultima modifica: 2009-11-23T17:26:42+00:00da archpaolopaone
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento